Isola 767

Vivo in un’isola.

Un’isola circondata dal mare e dalla terra. Quest’isola si chiama Gargano.

Gli studiosi hanno contato 766 tra isole, isolotti e scogli italiani; il Gargano per me è la 767ma “isola”.

Un’isola è una terra lontana, difficile da raggiungere, dove spesso è complicato vivere.

Una terra distante da ospedali, aeroporti, stazioni, tribunali.

La distanza ha creato una sorta di “campo libero” dove hanno trovato spazio il lavoro nero, gli abusi edilizi, la pesca a strascico, l’inquinamento, il randagismo. Così questa terra è diventata più sporca, più distante.

Provo a raccontare il Gargano con la mia macchinetta fotografica perché lo amo. Provo a raccontare chi siamo, perché è un modo per non fuggire, ma per restare, per occuparsene e sperare.